Abitare Miti, Fenomeni e Storie per i Luoghi dell'Anima e della modernità

Marsala e Trapani: nel mare di Dio.

Lascia un commento


 Ancora una volta nella ridente costa occidentale della  Sicilia, là dove il binomio sviluppo e invasione del territorio è vivo.
Edgar Allan Poe non sbagliava a dire che viaggiare è un pò come sognare, c’è solo la differenza tra chi al risveglio sanno ricordare qualcosa ed altri che conservano calda la memoria della meta da cui si è tornati. È un martedì pomeriggio d’Agosto, temperatura esageratamente alta e mi trovo in viaggio per Trapani. Ho lasciato da poco alle spalle la brulicante Marsala, una cittadina siciliana con una propria economia basata sulla viticoltura e l’esportazione di ottimi vini, fino ai limiti della produzione, come se la consegna anche di una sola bottiglia fosse per i suoi abitanti una questione di vita o di morte. Non solo vino qui, ma anche storie e microculture; un ripensare a sè stessi alla visita della vicina e mitologica Mothia, a rimembrarne l’antica civiltà fenicia stabilita nell’isola dello Stagnone a pochi kilometri dalla costa. Si odono ancora le urla e gli strazi dei popoli viadanti. L’arrivo nella vicina e salata Trapani è stato preceduto da un viaggio in macchina benedetto dalla lentezza e dalla “sfortuna”. La bellezza della città è nel suo essere per ogni aspetto goffa, lenta e rumorosa. Sbuffa e non si cura delle chiacchiere dei passeggeri, uomini che compaiono e scompaiono nelle vie, come fossero personaggi di teatro, pronti con un monologo da offrire a chi vuole ascoltare.
 Ad ogni città una scena assurda ed inedita, cambia sequenze a mò di onda con uomini che recitano la loro parte sotto i balconi. Il centro urbano è vita e morte, di chi ha deciso in un martedì qualunque di non vedere la luce del nuovo giorno e chi l’ha scelto per un matrimonio. Si aspetta per poi ripartire e rivedere immagini rassicuranti di foci di fiumi gonfi d’acqua, solleticate da frazioni abitate e sperdute. Tra poco sarò a casa, tra la mia gente, con nuovi rimedi, nuovi pensieri, quasi a dire che quando si torna non si è mai gli stessi  e così i luoghi si esprimono, così deserti e così tanto ricchi, d’estate, col sole in fronte.

 

Annunci

Autore: giorgiofranco_s

Activities in the field of Cultural Heritage and Tourism. It is essential to believe that the Culture could be the means of reconstruction suited to showing the best memory, Beauty. Rediscovering "places thinking".

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...